Grossa   -  Storia

Pubblicazione pagina: 23/04/2012    564     14     3

Foto, documenti e altro riguardanti la frazione di Grossa.

  • Egg
    nr 13    6 Anno 2012

    Campo aviazione Grossa, veduta odierna aerea del campo inglese di Grossa.
    Come si vede, se non hanno tolto la stradina centrale, c'era poca scelta per come disporre la pista....

    Nereo Gasparetto

    Commenta  



  • Egg
    nr 2    1 2 giugno 2011

    Tramonto sul Pasubio
    Don Giacomo Viali

    Dopo lunga e penosa malattia…
    2 giugno, festa della repubblica: da Grossa tramonto sul Pasubio.
    Sal 113,3 Dal sorgere del sole al suo tramonto sia lodato il nome del Signore.

    Don Giacomo Viali

    Commenta  



  • Egg
    nr 14    4 Anno 2011

    Casa ''roversa''
    Nereo Gasparetto

    Commenta  



  • Egg
    nr 8    1 Anno 2011

    Veduta ''Casa roversa''
    Francesco Pegoraro

    Commenta  



  • Egg
    nr 7    3 Anno 2011

    Veduta ''Casa roversa''
    Francesco Pegoraro

    Commenta  



  • Egg
    nr 1    1 Dicembre 1999

    Casa ''roversa'', prima del crollo
    Nereo Gasparetto

     data commento: 22/05/2014
    A vedere questa foto, una lacrima é scesa sulle mie guance in ricordo dei bellissimi anni trascorsi, grazie!
    Maria Luisa Sperotto  -  Gazzo

    Commenta  



  • Egg
    nr 5    4 Anno 1972

    Grossa, la ''Casa Roversa'', prima dell'ultimo restauro
    Tiziano Sperotto

     data commento: 22/05/2014
    Una bellissima sorpresa di ricordi dell'infanzia su quel cortile!
    Maria Luisa Sperotto  -  Gazzo

    Commenta  



  • Egg
    nr 4    3 Anni ???

    Casa Ramina, Pietro Ramina nel cortile di casa Ramina
    Flavio Tognato

    Commenta  



  • Egg
    nr 3    2 Anno 1958

    Guido Carretta (mugnaio) in bicicletta, di fronte al cimitero di Grossa, segue il suo cavallo con carro
    Flavio Tognato

    Commenta  



  • Egg
    nr 6    5 Anno 1952

    ''Casa Roversa'', Armando Sperotto ed il figlio Tiziano ''Sotto el portego''
    F.lli Agostini Grantortino

    Commenta  



  • Egg
    nr 10    3 Estate 1950

    Via Risorgimento, corso principale, ora via Risorgimento con la scuola elementare
    Anna Maria Bolis

     data commento: 20/12/2011
    Foto scattata nell'estate del 1950; si noti il monumento ai caduti di Grossa, dietro al quale vi è la scuola materna ''Maria Immacolata'' appena costruita (era stata inaugurata e aperta nel 1948) ed in lontananza l'antica canonica di Grossa, divenuta la fattoria dei Muraro nei primi anni del 1900.
    A destra del monumento sorge la Scuola Elementare di Grossa, costruita intorno al 1925 e inaugurata il 28 Novembre 1926 a memoria di Armando Fugagnollo, così come risulta dall'articolo riportato nel 12° numero del mensile ''La Postumia'' Rassegna di Vita e di Cultura, (vedi "Sezione Scuole" di Gazzoedintorni.net ai n° 95 e 96), pubblicato il 26 dicembre 1926 e intitolato ''Le nuove scuole 'Armando Fugagnollo' di Gazzo solennemente inaugurate''.
    E' Leda Bolis a ricordare e a farci notare che nella foto, sul frontone sopra il tetto della scuola, non c'è la lapide in marmo in memoria di Fugagnollo.
    Ma chi era Armando Fugagnollo e perchè nel 1950 non c'è più la lapide in sua memoria?
    Così come lo ricorda nel 1922 il Podestà di Gazzo Luigi De Tacchi, Armando Fugagnollo era nato a Vicenza il 20 luglio 1904.
    Sin da giovanissimo si era votato alla causa fascista.
    La notte del 07 luglio 1922 con una squadra di amici da lui comandata, giungeva a Gazzo poiché si era sparsa voce che alcuni giovani della zona, quella notte, volevano attaccare i fascisti del paese.
    Giunti a Grossa accerchiarono la casa dei Basso, dove a loro dire, si erano riuniti i ''sovversivi''.
    Si accese una cruenta battaglia con pistole e fucili, che vide il giovane Fugagnollo, ancora diciassettenne, colpito in pieno da una raffica, (furono ritrovati una ottantina di bossoli).
    Trasportato all'ospedale di Vicenza, moriva poche ore dopo.
    Visto l'amico morente, gli amici del giovane fascista riuscivano ad entrare nell'abitazione e uccidevano Francesco Basso e l'anziana madre Elisabetta Mognon.
    In ricordo di Armando Fugagnollo, nel 1926 all'inaugurazione della nuova scuola a lui intitolata, veniva inserita una lapide in marmo nel frontone dell'edificio scolastico.
    Passarono circa vent'anni e nell'estate del 1945, subito dopo la fine del 2° conflitto mondiale, un gruppo di persone di Grossa e dei paesi limitrofi, prese a fucilate la lapide a ricordo del giovane fascista, che fu talmente danneggiata da essere tolta.
    La scuola venne in seguito intitolata ad Alessandro Volta.

    Leda Bolis  -  Gazzo

    Commenta  



  • Egg
    nr 12    3 Estate 1950

    Centro paese
    Anna Maria Bolis

    Foto scattata nell'estate del 1950 in centro a Grossa; in primo piano a destra l'abitazione con negozio di alimentari di Giovanni e Lodovico Bolis, a sinistra una grande pianta di Tiglio.
    E' Leda Bolis a ricordare quando nel primo tratto dell'attuale via Nino Bixio, e più precisamente dall'incrocio fino alla prima curva, dove ora sorge il capitello di S. Giuseppe, dopo la fine della guerra 15/18, furono piantati alla distanza di 5/6 metri uno dall'altro, su ambo i lati, tanti Tigli quanti i caduti di Grossa durante la 1a guerra mondiale.
    Ogni pianta portava una targa ricordo con i dati del caduto.
    Negli anni 55/60 quando fu allargata la strada, i ''Tigli Ricordo'' furono eliminati.
    Sempre nella foto, in lontananza, il fabbricato della vecchia canonica di Grossa, ora abitazione Segato

    Anna Maria Bolis

    Commenta  



  • Egg
    nr 11    7 Estate 1950

    Via Risorgimento, corso principale con la facciata della Chiesa
    Anna Maria Bolis

    Commenta  



  • Egg
    nr 9     Anno 1909

    Ristrutturazione casa, ristrutturazione dell'abitazione dei sigg. Bolis Agostino e Lodovico, ora Bolis Anna Maria e Leda
    Leda Bolis

    Commenta